Torna Indietro   Scalers & Crawlers > Ricambi, Attrezzi, Procedure & Documenti > I Tutorials di S&C > Tutorials - Altro

Tutorials - Altro (tutto il resto)

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalitą Visualizzazione
Vecchio 03-10-2009, 17:58   #1
wrighi
Bannato
 
Data Registrazione: Oct 2006
Localitą: firenze
Messaggi: 3.482
Predefinito Lavorare la vetroresina

la vetroresina è un materiale composito abbastanza facile da lavorare.
si compone di resina bicomponente (epossidica o poliuretanica) e fibra di vetro che si trova anche stoffa tramata o pressata senza una trama ordinata.

la resina epossidica è migliore, non ha odore e ha una durezza superiore rispetto alle altre resine, secca meglio di qualsiasi altra resina ma ha un costo elevato, ci sono vari tipi di resina epossidica, alcune superdure vanno cotte in forno ma per i nostri usi modellistici non servono particolari tipi di resina speciale.

la resina poliuretanica ha un basso costo rispetto alla epossidica ma puzza terribilmente e va lavorata all'aperto, se non è di buona qualità nonchè di recente confezionamento tende a non seccare bene e dare un'infinità di problemi.. ho oggetti formati nel 1900 che non si sono ancora essiccati del tutto ma sono restati appiccicosi a vita..
il vetro si trova in tessuto tramato di vari spessori, anche finissimo con trama sottile come seta, oppure con fibre pressate in modo casuale più adatto per fare dei riempitivi o delle riparazioni.

per fare una forma ci sono vari sistemi, si può fare uno stampo oppure stenderlo su un modello che faccia da supporto.
facendo lo stampo la superfice sarà più liscia mentre lavorando sull'esterno di un modello occorrerà successivamente riprendere a stucco e carta vetro la superfice per renderla liscia.
uno stampo ben fatto permetterà di ripetere un nuovo oggetto in vetroresina mentre resinando un modello in cartone o legno questo sarà un pezzo unico e non ripetibile salvo non farci uno stampo dal lavoro finito.

lo stampo va studiato bene perchè l'oggetto deve essere capace di uscire una volta formato.
quindi nel caso di forme con sottosquadri o incavi occorre dividere lo stampo in varie parti.

io generalmente preferisco farmi gli stampi perchè c'è meno lavorazione sulla superfice a vista, mentre stendendo il vetro direttamente su un modello successivamente andrà ripresa tutta la superfice che sarà piena di imperfezioni.

gli stampi andrebbero fatti con resina da stampi ma per lavori sommari va benissimo del comune gesso lasciando un discreto spessore per renderlo robusto.

per fare un oggetto in vetroresina occorre fare un modello in qualsiasi materiale, legno cartone etc.. cercare di fare tutti i particolari possibili e dare vernice e stucco in modo che la superfice sia liscia.
più si cura il modello (a perdere) da stampare e meglio verrà il lavoro finale.
successivamente prima di fare lo stampo occorrerà coprire il modello a perdere di distaccante onde evitare che si incolli al gesso, ci sono prodotti specifici ma una qualunque cera da mobili tipo cera ambra andrà benissimo.
addirittura a volte ho usato il grasso ma la cera è sicuramente migliore.

qui ho fatto una carrozza in balsa (nera) e il suo stampo in gesso.



qui si vede la carozza finita e il modello a perdere una volta sfilato dallo stampo.





anche questa carrozza è fatta con la solita tecnica



mentre qui si vede l'interno grezzo



ci sono tecniche più raffinate per fare questo tipo di lavori, accennavo alla resina da stampi, sicuramente si avranno risultati migliori ma basta una superfice lasciata ruvida per non fare uscire il modello a perdere dallo stampo quindi tutta la lavorazione deve essere molto più accurata.
inoltre ci sono prodotti come il gelcoat che si danno prima della formatura in modo da avere una superfice resistente e brillante, il gelcoat in pratica è il bianco esterno delle barche a vela.. si stende un sottile strato di gelcoat a pennello (meglio a spruzzo) prima di iniziare a resinare l'interno dello stampo.
io non l'ho mai fatto un po per i costi e poi parchè non ho esigenze così perfezioniste.

altri esempi, il camion verde..

prima di tutto ho fatto il modello a perdere usando compensato legno polistirolo e cartone







poi l'ho rifinito per bene stuccando eventuali imperfezioni



verniciato lucido si distacca meglio



successivamente ho iniziato a ricoprire il tutto di gesso (buono! non vecchio e umido come quello che io ho avuto la sfortuna di imbattermi )



una volta formato ho tolto il modello a perdere e ho iniziato a resinare dentro lo stampo preventivamente ben spalmato di distaccante..
in questo caso ho avuto un sacco di sfortuna perche sia il gesso che la resina erano di pessima qualità.. parte dello stampo è restata attaccata alla vetroresina e ho dovuto rimuoverla.. poco male ma lo stampo è andato, se invece l'avessi fatto in resina da stampi si sarebbe salvato.



una volta rimosse le imperfezioni ho stuccato eventuali errori e ho dato una vernice di fondo



anche se ho incontrato difficoltà alla fine il risultato è stato buono.



questa invece è la telecom soldini di 1mt.. progetto lasciato a mezzo perchè non so bene come continuare..
lo scafo è venuto leggerissimo e il gesso è integro e riusabile.
in alto lo scafo ottenuto, poco sotto il modello a perdere (quello nero) fatto di compensato balsa stucco e vernice e infine il gesso che pesa come un incudine.



inoltre la vetroresina è ottima usata per fare diorami e plastici, per fare montagne occorre mettere dei blocchetti di legno e stendere sopra una rete metallica tipo zanzariera accartocciando e dandogli la forma, poi con la vetroresina si ricopre il tutto creando le montagne.
ne verrà fuori un plastico molto robusto e leggero in confrono alle varie garze gessate che normalmente si usano per questo tipo di applicazioni.










ci sono dei casi in cui farsi lo stampo è impossibile.. quindi conviene lavorare la resina direttamente sul modello a perdere..
questa è la barca 1:1
ho creato le ordinate in cartone usando lo stesso disegno della telecom soldini e riproponendo la prua anche per la poppa.. in pratica sono 2 prue contrapposte.



sempre col cartone e la garza gessata ho fatto il modello a perdere su cui resinare.



una vota fatta la barca ho creato dei rinforzi in legno opportunamente resinati allo scafo..





qui ho rivestito l'interno di stifferite e ho ricoperto il tutto con vetro tessuto abbastanza spesso e resina poliuretanica..
in pratica ha un intercapedine che la rende inaffondabile.



barca venuta bene come primo lavoro di grosse dimensioni, oltretutto abbastanza robusta e veloce..





wrighi č offline   Rispondi Citando
Vecchio 03-10-2009, 19:47   #2
wrighi
Bannato
 
Data Registrazione: Oct 2006
Localitą: firenze
Messaggi: 3.482
Predefinito

Citazione:
Originariamente inviato da Simo_4x4 Visualizza Messaggio
Una domanda...dentro allo stampo in gesso cosa fai..una colata di resina poi il tessuto e poi altra resina ???
prima di tutto gli do un secchio di cera distaccante.. il gesso lo assorbe e va ridato varie volte per evitare quello che è successo a me con lo stampo del camion, ovvero che si attacchi il gesso alla resina.
poi una volta che il gesso non assorbe più la cera sempre a pennello dai uno strato di resina (andrebbe dato il gelcoat per primo ma lasciamo perdere) e inizi a disporre il primo strato di stoffa, a volte la prima reina sul distaccante questa tenderà a scivolare ma una volta posata la stoffa si impregnerà senza dare nessun problema.
se ci sono angoli come ad esempio nei montanti di una carrozza occorre ritagliarsi dei pezzetti e disporre la stoffa a pezzi per evitare che si formino pieghe negli angoli.
poi con il pennello a pelo corto o tagliato picchietti la resina in modo da far andare via l'aria e far aderire bene la stoffa resinata allo stampo.. e così via aggiungi resina e stoffa fino a raggiungere lo spessore desiderato.
fai conto che 1-2mm sono sufficenti per fare una carrozza quindi quando hai messo 3 strati sovrapposti di trama fine bastano e avanzano.
ovviamente se la stoffa viene fatta a pezzi quando metti il secondo strato lo sovrapporrai in modo da coprire la giuntura delle varie pezze così da tenerle insieme come un reticolo di mattoncini.
dove invece hai delle superfici più ampie come ad esempio il cofano e il tetto farai delle pezze più grandi fino a raggiungere gli angoli in cui farebbe le pieghe..

a volte se si forma una piega basta tagliare il drappeggio (che non aderisce perchè il vetro anche se molto malleabile non è elastico) per la sua lunghezza per farla aderire.
mi sono spiegato?
wrighi č offline   Rispondi Citando
Vecchio 04-10-2009, 20:48   #3
wrighi
Bannato
 
Data Registrazione: Oct 2006
Localitą: firenze
Messaggi: 3.482
Predefinito

Citazione:
Originariamente inviato da pier Visualizza Messaggio
Dalla mia esperienza (scafi per barche a vala rc ) lo stampo deve essere rigido......
si infatti..
il gesso è un sistema davvero alla bona.. anche perchè andrebbe messo sotto una campana sottovuoto per far uscire le bolle d'aria.
voglio dire se fai un catino di gesso e ci immergi un oggetto rovesciato come ad esempio una carrozza si formano le bolle d'aria sicuramente nonchè l'oggetto è probabile che galleggi.
quindi andrebbe allestito un sistema per far restare l'oggetto in una posizione fissa usando dei ferri che non lo facciano galleggiare e poi va versato il gesso nel contenitore.. il top sarebbe poter aspirare da sopra con una specie di campana per far salire le eventuali bolle d'aria.
come contenitore va bene anche una cassetta fatta con tavolette di legno, lo stampo formato potrà restare contenuto in questa cassetta.
altrimenti il sistema più facile è porre su un piano l'oggetto da dritto e schizzarlo di gesso fino a coprirlo..
schizzarlo perchè così facendo le bolle d'aria vengono compresse via, è più difficile che si formino bolle se il gesso viene lanciato sull'oggetto.
dopo aver ricoperto il modello con un velo di gesso va finito di coprire con gesso abbondante, questo si può anche colare tanto se ha delle bolle non importa, serve solo per creare uno stampo robusto e di un certo spessore.

parlo del gesso perchè con la resina da stampi salgono troppo i costi, la resina da stampi costa molto cara, l'epossidica anche.. alla fine una carrozza fatta col sistema più professionale potrebbe costare 200 euro ne deriva che non è il caso per i nostri usi.
poi è chiaro se l'intenzione è di fare 20 copie in vetroresina allora si ammortizza i costi dello stampo fatto in resina ma per fare 2-3 copie non conviene davvero.


comunque la resina è davvero divertente e in fondo facile da modellare.. occorre un po di pratica quindi vi sconsiglio di cimentarvi su un superlavoro come prima esperienza..
per dire.. una maniera facile di fare pratica è fare una barca, prendere una barca giocattolo e usarla come modello per lo stampo, cose così.. anche solo per capire e confrontarsi con gli sbagli.
con 20 euro si compra un metro quadro di vetro e 1lt di resina poliuretanica.. va benissimo per imparare.
il miei oggetti sono tutti in poliuretanica perchè l'epossidica costa 40 euro il litro e io ovviamente lesino i costi

però il prossimo lavoro voglio usare l'epossidica, l'ho usata la settimana scorsa per riparare un cupolino di una moto e devo dire che la differenza è immane, troppo meglio.. anche solo per l'odore e le esalazioni totalmente assenti.
l'epossidica fa una reazione chimica senza solventi, volendo la si potrebbe usare in camera da letto.
wrighi č offline   Rispondi Citando
Vecchio 16-04-2010, 11:19   #4
Blackjack
Supermoderatore
 
L'avatar di Blackjack
 
Data Registrazione: Apr 2009
Localitą: Genova
Messaggi: 6.719
Predefinito

Link alla discusisone originale per approfondimenti :

http://scale11.altervista.org/forum/...ad.php?t=12133
__________________
I love OFF ROAD - Live without limits !

.. .....

Ciao Claudio
Blackjack č offline   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalitą Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB č Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] č Attivato
Il codice HTML č Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 16:10.


Powered by vBulletin® Version 3.8.4
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright ©2006 - 2012, Scalers & Crawlers